Newgrange e il Solstizio d’Inverno. La magia d’Irlanda

Archeologia Irlanda Travel
By on 21 dicembre 2016

L’Irlanda che tutti conoscono è fatta di prati verdi, di musica, e ovviamente di birra. Il pub, anzi l’Irish pub è la vera istituzione di questa terra esportata in tutto il mondo. Ma è anche terra di tradizioni, certamente di natura celtica, ma anche terra di miti e leggende, che le conferiscono un fascino particolare.

E oggi, solstizio d’inverno, come ogni anno gli occhi sono tutti rivolti verso il sito più importante per la preistoria irlandese, ovvero Brù na Bòinne (che in gaelico significa “la dimora di Boyne”). Il più importante sito archeologico irlandese che consiste in 90 monumenti di epoca neolitica situati lungo il fiume Boyne, fra cui spiccano i tre tumuli di Knowth, Dowh e Newgrange. Ed è in quest’ultima che tutti gli anni avviene la magia, il sole che incontra la terra. La rinascita del sole, molto sentita e importante per le popolazioni antiche perché indicava l’ultimo giorno in cui il giorno durava meno della notte. Le tenebre forse facevano paura, non si sa, molto pragmaticamente invece significava molte più ore per lavorare e la bella stagione in arrivo. Quindi raccolti, prosperità e benessere, dopo i mesi invernali rigidi come sanno essere soliti in Irlanda.

Newgrange

Più comunemente conosciuto come Newgrange, ma in realtà quest’ultimo è solo, si fa per dire, uno dei suoi monumenti. Si tratta della tomba a corridoio più grande d’Irlanda, con un diametro di 80 metri, costruito intorno al 3200 a.C. da una civiltà proveniente dalla Bretagna e dalla penisola iberica. Il complesso è composto da un enorme tumulo di terra in cui si apre al centro un corridoio di 19 m che conduce ad una camera centrale cruciforme con tre vani annessi e una volta a tholos costruita con lastre di pietra a secco. Ancora oggi ci si stupisce di come abbiano potuto costruire una tale struttura che ancora oggi rimane impermeabile all’acqua. All’esterno il tumulo è circondato da un alto muro perimetrale fatto di quarzo bianco e nero (restaurato dagli archeologi) e da un cerchio di 97 pietre, fra cui spicca quella centrale di fronte la porta d’accesso e la sua corrispettiva nel lato opposto. Queste due pietre si differenziano perché scolpite e decorate con motivi a spirale e a losanghe, presenti in molte culture preistoriche.

Ancora oggi nessuno sa per quale motivo fu costruito, nel corso degli anni sono state avanzate diverse teorie. Quello che si sa per certo è stato scoperto dal suo scopritore, come sempre quasi per caso. Era il 21 dicembre 1967 quando l’archeologo Micheal J. O’Kelly vide entrare la luce all’interno della buia camera centrale. La sorpresa fu enorme, si rese conto che l’apertura quadrata sopra il portale di accesso non era dovuta solo a motivi strutturali. Quest’ultima, in realtà, doveva permettere al primo raggio di sole del solstizio di inverno di attraversare tutto il corridoio (e posso dirvi che non è poi così rettilineo come si può pensare) e illuminare un punto preciso del pavimento della camera centrale.

Clicca sulla foto qui sotto e potrai entrare virtualmente nella camera centrale con vista a 360°

Non si sa ancora se il primo raggio di sole andava ad illuminare qualche oggetto o tomba, quello che so io però è che darei qualsiasi cosa per potermi trovare in quella camera durante un solstizio d’inverno! E se si è fortunati c’è una remota possibilità di partecipare alle annuali ricorrenze, la “Lotteria del Solstizio”. Ogni anno infatti sessanta persone possono vincere il permesso di partecipare. Io ci ho provato e ci proverò ancora finché non riuscirò a vedere quel raggio di sole entrare, attraversare tutto il corridoio e sbattere contro il pavimento. Voi?

Ma costruzioni simili, legate al solstizio di inverno, se ne trovano un po’ ovunque sparse per il mondo, da Stonehenge alla impronunciabile Sacsayhuamàn in Perù. Ovunque nel mondo antico l’uomo sentiva ancora uno stretto contatto con la natura. Perché doveva essere rispettata, a volte temuta, a volte ingraziata per ottenere la sua benevolenza. Attraverso questi edifici si cercava un contatto diretto, seppur forse a senso unico. Io penso che ancora una volta dovremmo imparare dai nostri antenati, dovremmo ricominciare a rispettare il mondo in cui viviamo e non dominarlo come se fosse solo nostro.

Come arrivare a Newgrange

Vediamo quindi come raggiungere il sito archeologico da Dublino e da Belfast. Il centro visitatori da cui partono diversi itinerari per vedere tutto il complesso è situato vicino la città di Drogheda, circa 40 km da Dublino. Il parco archeologico è fornito di un ampio parcheggio in cui lasciare la macchina e procedere con i pullman della struttura. All’ingresso vi accoglie un bellissimo museo interattivo che ricostruisce le varie epoche e fasi del sito archeologico.

Da Dublino:

Se hai un’auto a noleggio è facile arrivare attraverso l’autostrada M1, uscendo a Meath (Uscita 9) alla rotonda mantieni la sinistra e segui la direzione Donore fino a destinazione (circa 5km).
Altrimenti puoi trovare tanti Tour organizzati che partono da Dublino

Da Belfast:

(che dista circa 125 km) la strada è simile, basta seguire l’autostrada M1, uscire a Meath (uscita 9) e seguire la direzione Donore fino a destinazione (circa 5Km),

Facebook Comments
TAGS

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

chi-sono-why-not
Alberto

The Travel Blog of a “Down to the Earth Dreamer”

Who want to travel around the world following the question: “Why not?”

Misterbandb 300x600 guesten
Social
Newsletter

Instagram
  • Starting point for the labyrinth of Horta
Barcelona
  • "Some Cupid kills with arrows, some with traps" 💘
  • Barcelona - Labyrinth de Horta 🏞️
Here I've discovered a paradise, just out of the city. A park that brings you in ancient times... When they were used to have fun within the wall of a villa. Enjoying the open air and trying to escape from the labyrinth. 🐂
.
---------------------------------------------
🔥 Find more on my blog!🔝
----------------------------------------------
Follow me on Facebook
____________________________
#barcelonaonline #wonderlustbarcelona #barcelonastravel #ilovebcn #topbarcelonaphoto #cityofbarcelona #thisisbarcelona #travel #instatravel #instagood #aroundtheworld #travelblogger #travellife #citybestshots #cbviews
#gaytraveler #barcelonagram #barcelonacity #bcn #barcelona_turisme #catalunya #igersbarcelona #barcelonalovers #visitbarcelona #igerscatalunya #bcnlovers #ig_barcelona #barcelonamagazine #barcelonaonline #imtb
  • And this is the end of the world! Well, the medieval world... Still now this is the final goal of a pilgrim on the Saint James way! This is the most magical place I've seen till today.
_____________________________
Read all my experience
Link in bio for info and tips
__________________
#caminosantiago #thewayofsaintjames #elcaminodesantiago #caminodesantiago #vivecamino #elcaminopeople #caminofrances #peregrinos #santiago #compostela #pilgrim #buencamino #pilgrimage #gayspain #gaytravelblog #gaytravels #gaytraveler #travelgay #gaytravelblogger
  • Santiago de Compostela
10 October 2016

I would have never imagined that walking through floor I would have felt so peaceful. Those last steps till the cathedral gathered the whole steps I did since Saint Jean Pied de Port. All steps that enclosed my life in a dream lasted 30 days. 
Then, on that floor I was born again. 
_____________________________
Read all my experience
Link in bio for info and tips
__________________
#caminosantiago #thewayofsaintjames #elcaminodesantiago #caminodesantiago #vivecamino #caminofrances #peregrinos #santiago #compostela #pilgrim #buencamino #pilgrimage #gayspain #gaytravelblog #gaytravels #gaytraveler #travelgay #gaytravelblogger
  • Two year ago I was about to arrive in Santiago de Compostela after 30 days.
The 30 days hardest of my life. The Camino is not just a trekking, it's a full immersion in your essence. It can be your faith, your pain, your challenge. I know why I've done it and I know how I've been felt at the end of the route: powerful! We can do anything we want if we really believe it! 
Then... Take your shoes and go walking!
__________________
#elcamino #elcaminodesantiago #caminodesantiago #vivecamino #peregrinos #santiago #compostela #pilgrim #buencamino #pilgrimage #gayspain #beardedgay #gaytravelblog #gaytravels #gaytraveler #travelgay #gaytravelblogger