Barcellona Itinerari di Viaggio Trekking

Catalogna – Itinerari a piedi per chi ama la natura

By on 19 Settembre 2019

Available in: enEnglish

Barcellona è una città piena di attrazioni turistiche, prime fra tutte le sue spiagge, per non parlare dell’architettura neoclassica di Gaudì o di eventi sportivi e musicali. Ma c’è posto anche per noi che amiamo l’aria aperta, la natura e posti mozzafiato da fotografare.

La Catalogna, infatti, è ricca di itinerari che vanno dalle coste mozzafiato della Costa Brava ai parchi nazionali che racchiudono borghi incantevoli e bellezze naturali da mozzare il fiato.

Vivo qui da un anno ormai e ho scoperto che la regione intorno a Barcellona rivela bellezze naturali che vanno oltre alla famosissima Montserrat, tutte raggiungibili con trekking sparsi un po’ ovunque per la Catalogna.

Sitges - Itinerari

Oltre Barcellona – Itinerari a piedi che non puoi perderti!

Per raggiungere la maggior parte di queste località è più facile noleggiare un auto perchè non ben collegate con il servizio di trasporto pubblico, e si trovano ad 1 o 2 ore da Barcellona. Questo fa si che sono mete perfette per chi vuole scappare dal turismo di massa del centro o per chi già conosce la città e vuole esplorare meglio questa parte di Spagna.

Iniziamo però da quelli che sono facilmente raggiungibili da Barcellona con un semplice treno o metro.

Il primo è un percorso che ho scoperto quasi per caso e non programmato. Si tratta di un trekking costiero che va dalla città di Villanova i la Geltru a Sitges, a meno di un’ora di treno da Barcellona e ricco di calette preziose e mozzafiato.

Vorrei anche parlarti di un itinerario fra il parco del Garraf, un’oasi naturale che si trova fra Barcellona e Sitges e racchiude paesaggi diversi che vanno dal bosco ai vigneti e finire in costruzioni esotiche che mai potresti immaginare di vedere in Spagna.

Ho incluso nella lista anche un escursione a Blanes, prima città della Costa Brava raggiungibile con un’oretta di treno. La cittadina è molto caratteristica e oltre al lungomare parte un cammino costiero che ti lascerà a bocca aperta.

Itinerari Barcellona Catalogna

Itinerario costiero da Villanova i la Geltru a Sitges

Questo percorso è stata una vera scoperta felice che mi è costata una ustione sulle spalle ma che mi ha ripagato con visioni di splendide calette e mare stupendamente azzurro.

Siamo partiti verso un castello medievale, fortezza fondata contro l’espansione araba che avanzava da sud. Un castello che adesso si trova circondato da un bacino d’acqua artificiale che lo ha arricchito di fascino. Un luogo mozzafiato, eppure, arrivati a Vilanova i la Geltru siamo rimasti bloccati perchè nonostante Google abbia quasi sempre ragione la coincidenza che mi segnava con il bus non era prevista di domenica.

Cercando un’alternativa sul web ho scoperto che c’era un sentiero lungo la costa che portava fino a Sitges. Un trekking lungo calette con spiagge mozzafiato, falesie che si scagliano contro il mare. Non ci abbiamo pensato più di due minuti e siamo partiti in direzione Sitges.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Alberto – Travel Designer (@whynottravelblog) in data:

Il cammino inizia dalla Plaja del Far de Cristofol, arricchita appunto dal museo del mare adibito dentro il Faro. Subito si comincia a salire lungo le rocce bianche caratterizzate da cespugli di macchia mediterranea.

La strada continua accanto alla ferrovia fino al primo promontorio di Punta Llarga, dove il percorso curva verso destra e prendi un sentiero che scende dentro il bosco per arrivare al primo punto panoramico.

Continuando affianco alla ferrovia si giunge fino alle prime calette, queste sono un po’ difficili da raggiungere perchè la discesa è veramente ripida.

Oltre la Punta Grossa si apre una delle più belle, la Cala dels Gegants che racchiude una spiaggia gay nudista. Questa spiaggia è di facile accesso e anche grazie al suo ciringuito sembra il luogo perfetto per un po’ di relax fuori dai rumori della città e perchè no? Anche dalle sue convezioni!

La prossima spiaggia ha un nome un po’ particolare, uno di quelli che fa a botte con la bellezza del luogo. È la playa del Muerto, anche questa ufficialmente gay e nudista, è un’altra bellissima spiaggia in cui potersi rilassare e godere del mare senza la folla di turisti che si ammassano nella Barceloneta.

Da qui il cammino procede a livello del mare, lungo la spiaggia fino a Sitges dove si può riprendere la vita cittadina con un bel coktail o cerveza.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Alberto – Travel Designer (@whynottravelblog) in data:

Itinerario dentro il Parco del Garraf – Sitges

Ecco un altro luogo incantevole, si tratta di un parco che circonda la città di Sitges e protegge quel che resta di un bosco che doveva avvolgere tutta l’area. Il parco del Garraf si sviluppa su rilievi che partendo dalla spiaggia raggiungono non più dei 600 m di altezza.

Il paesaggio è caratterizzato dalla tipica macchia mediterranea e da pietra calcarea che grazie all’azione erosiva dell’acqua ha formato grotte, pozzi e scanalature. Una volta superati i primi rilievi costieri si aprono dei piccoli altipiani con vigne e masserie tipiche che si sono insediate dove non era possibile sviluppare villaggi più grandi.

Camminando per i suoi sentieri si incontrano queste piccole masserie che ancora oggi mantengono viva la tradizione con le proprie vigne. Il parco organizza diverse attività, fra cui visite guidate e escursioni, ma è possibile andare in tutta autonomia.

Io sono partito dalla stazione ferroviaria di Garraf (più famosa per la sua spiaggia, che anch’essa merita una visita) e son salito attraversando una grande cava che deturpa un po’ l’ambiente.

Dopodichè si apre il bosco con i suoi sentieri e masserie fino ad arrivare ad un tempio buddista. Si, proprio così, in cima si trova un tempio buddista che potrebbe sembrarti un miraggio. Eppure è vero, è funzionante ed è una delle cose più particolari che uno si possa aspettare in un parco naturale di Spagna.

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Alberto – Travel Designer (@whynottravelblog) in data:

Blanes – Itinerario lungo la prima città della Costa Brava

 

Blanes è una cittadina che si trova a 70 km circa a nord di Barcelona. Qui inizia la famosa Costa Brava, con le sue affascinanti calette e paesini tipici. Questa zona della Catalunia è un po’ più difficile da raggiungere con i mezzi pubblici perchè non c’è un collegamento diretto con Barcellona.

Ecco perchè Blanes è un’ottima località per evadere dalla città e scoprire qualcosa di nuovo. Perchè questa è l’ultima città collegata direttamente con un treno fino a Barcellona che impegna circa un’oretta.

Si tratta di una cittadina che si è sviluppata in una conca a ridosso del mare. La parte antica è molto caratteristica con vicoletti che partono tutti dalla rambla centrale dove ogni giorno viene imbandito un mercato locale molto ricco e colorato.

Girando fra le sue stradine si notano alcuni edifici splendidamente decorati che colgono subito l’attenzione. Questi sono palazzi costruiti da chi ha fatto fortuna nelle americhe durante il periodo d’oro del colonialismo spagnolo.

Il lungomare è una delizia per gli occhi e sopratutto per gli amanti della spiaggia. Troverai un ampia area pedonale ben curata che porta fin sulla sabbia dorata. Oltre al giardino Botanico di Mar i Murtra si giuge all’inizio di un camino de ronda.

Un sentiero scavato nella roccia lungo le falesie della Costa Brava dai contrabbandieri durante il periodo delle guerre mondiali e guerra civile spagnola. È un sentiero che corre lungo le varie calette dove un tempo giungevano le merci di contrabbando di notte e dove al giorno d’oggi si può godere un po’ di relax in un posto mozzafiato.

La Catalogna è piena di foreste, laghi, montagne e coste che possono lasciare a bocca aperta anche il più cinico sostenitore che la vacanza è quella da “sabbia e ombrellone”. Fermarsi solo alla bellezza della città di Barcellona è come vedere solo ciò che è sotto i riflettori e non scoprire cosa c’è di autentico oltre quell’abbaglio.

Quindi se non vuoi fermarti a vedere quello che già tutti sanno, pur sempre meritevole di una visita come le opere di Gaudì e la Rambla, prendi lo zaino e vai a scoprire questi luoghi.

Spero questo articolo ti sia piaciuto!

Potresti aiutarmi condividendolo con il tuo prossimo compagno di viaggio!!

TAGS

LEAVE A COMMENT

alberto branca why not travel blog
Benvenuto su Why not?

Sono Alberto, un creatore di Itinerari, appassionato di Fotografia e Viaggiatore lento.

Why not? è un contenitore di esperienze che si evolve insieme a me. Mi piace costruire il mio viaggio, studiare e trovare la vera essenza dei luoghi e delle persone che incontro lungo la mia strada.

Qui puoi trovare di sicuro Trekking, Cammini lunghi e Consigli di Viaggio.

Scopri di più

Work with me:



Instagram
La risposta da Instagram ha restituito dati non validi.
Airbnb Buono Regalo
Alberto Branca